Top Menù

Woo Audio WA2: l’OTL di classe Made in Usa – Recensione

Qualsiasi vero appassionato di cuffie almeno una volta è capitato sul sito dell’americana Woo Audio e si è trovato a sbavare dietro ad una delle creazioni a valvole di Wei Woo. Ovviamente anche noi l’abbiamo fatto, più e più. e oggi abbiamo la fortuna di poter provare il loro Otl top, ovvero il WA2

 

Il Wa2 con le T1

Per chi non la conoscesse Woo Audio è una compagnia con sede in U.S.A. fondata da Jack Wu nel 2004. Il loro catalogo si contraddistingue per la presenza solamente di amplificatori a valvole, sia di tipo Otl che con trasformatori d’uscita (ci sarà una prova anche del WA6 SE), anche se nell’anno venturo saranno messi a catalogo una meccanica e un dac a stato solido.

Tutti i prodotti Woo Audio sono interamente realizzati a mano in alluminio negli Stati Uniti senza alcuna eccezione e si fanno notare per l’estrema cura riposta e la qualità assoluta dei loro prodotti.

Il Wa2 è stato provato con il seguente impianto e le valvole di serie fornite da Woo Audio

Sorgente: Yulong DA8, Oppo BDP105

Cuffie:  Sennheiser HD650, Beyerdynamic T1, Grado RS1

I prodotti Woo Audio non sono distribuiti in Europa, ma è possibile acquistarli direttamente dal produttore. Il WA2 ha un prezzo di 1.190 $ a cui vanno aggiunti 100 $ di spedizione ed eventuali tasse doganali.

 

Costruzione ed ergonomia

Una volta aperta la scatola marchiata Woo Audio ed estratto il pesantissimo Wa2dal mastodinia imballo a prova di bomba e corriere il mio concetto  di qualità costruttiva è stato subito ridefinito.

Il Wa2 è costruito totalmente in alluminio silver (è disponibile pure in nero) e interamente anodizzato.

L’amplificatore è veramente enorme e pesante per essere un amplificatore cufie e le sue misure sono 140x330x230 mm con un peso pari a poco più di 8 kg.

L’assemblaggio è praticamente perfetto e le finiture sono di altissime qualità come pure l’alluminio utilizzato.

Sugli amplificatori Woo Audio nessuna scritta a vista è stampata, ma sono tutte incise  direttamente nell’alluminio del corpo che vanta uno spessore notevole, come si intuisce anche dal peso. Le uniche scritte stampate sono quello sul retro, quindi nascoste alla viste, che essendo stampate in bianco sul modello silver sono poco visibili.

Sul frontale, con viti a vista, troviamo un jack da 6,4mm, una manopola che permette di selezionare tra i quattro ingressi, una manopola per il volume e un tasto per l’on/off sormontato da un led blu che indica l’accensione. Entrambe le manopole sono di ottima qualità, in alluminio ricavato dal pieno satinate sul bordo e lucide sulla parte frontale su cui si trova una piccola tacca incisa che ne indica la posizione. La manopola del selettore d’ingressi è a scatti, con quattro scatti secchi e della giusta durezza, mentre la manopola del volume è a risoluzione infinita.

Passando al retro troviamo tutti gli input e output disponibili.

Partendo da destra vediamo le quattro coppie di input con connettori RCA selezionabili con la manopola sul frontale,  uno switch a leva che permette di scegliere tra la funzione di preamplificatore e amplificatore cuffie, una coppia di rca per l’uscita pre, un selettore di voltaggio (110/220 V) e la vaschetta IEC per il cavo di alimentazione.  Woo Audio nella confezione non fornisce nessun cavo di alimentazione, nemmeno la classica corda da PC, quindi va acquistato a parte. Nella nostra prova abbiamo usato una corda TCI Temple Constrictor.

Nella parte superiore del Wa2 troviamo il cuore dell’ampli, ovvero le valvole.

Il WA2 è un OTL senza trasformatori d’uscita quindi il tipo di valvole montato influisce pesantemente sul suono e grazie al gran numero di valvole supportato dal WA2 è possibile provare migliaia di combinazioni diverse, sia economiche che costose. Ovviamente essendo un OTL non è indicato per le cuffie a bassa impedenza, ma l’abbinamento migliore rimane con quelle ad alta impedenza. In caso preferiate cuffie con bassa impedenza dovete guardare agli amplificatori con trasformatori d’uscita del catalogo, tipo il WA 6 SE che sarà recensito a breve.

Il Wa2 utilizza in totale sei valvole di cui:

-2 valvole di potenza 6AS7 / 6080

-2 valvole prea amplificatrici 6922 / 6DJ8

-2 valvole rettificatrici EZ80

Le valvole non sono protette da nessuna gabbia ne altre protezioni, quindi è meglio tenerlo lontano dalla portata dei bambini date le temperature di esercizio e la fragilità.

Dietro le tre coppie di valvole troviamo i contenitori del trasformatore proprietario da 120 W affiancato dai due pseudo trasformatori che vanno ad alimentare  i due canali di amplificazione.

Il Wa2 poggia su piedini di alta qualità, anch’essi rivestiti in alluminio lucido,  realizzati con materiale smorzante.

Rimuovendo il pannello posto sotto l’amplificatore si può accedere all’interno.

L’interno è molto ordinato con cablaggio interamente in aria. Woo audio utilizza componenti di alto livello,come i condensatori WIMA e Rubycon e il potenziometro ALPS.

Esteticamente il WA2 è fenomenale, come tutti i prodotti Woo Audio, ed abbina il fascino moderno dell’alluminio anodizzato con quello classico delle valvole e farà una stupenda figura in qualsiasi contesto  di arredamento, soprattutto a luci spente.

L’interno

L’unica nota stonata è l’assenza di un qualsiasi cavo di alimentazione, anche base, all’interno della confezione. Facilmente nessuno userà un amplificatore del genere con una cavo di alimentazione da PC, ma non nascondo di essermi trovato in difficoltà all’inizio non avendo una cavo da dedicargli momentaneamente e dovendolo prelevare da un’altra elettronica

Come suona e capacità di pilotaggio

Una volta scaldato per bene il Wa2 possiamo iniziare con quello che veramente interessa, ovvero l’ascolto.

Iniziamo parlando delle Sennheiser HD650, cuffia da 300 ohm. Le HD650 sono una cuffia con cui non ho mai avuto un bel rapporto: ho posseduto il modello per 2008 che non mi è mai piaciuta per nulla ed ho ascoltato in svariate occasioni con diverse elettroniche le attuali e anche queste non mi hanno mai convinto fino in fondo, anche se molto superiori a quelle pre 2008, ma essendo una cuffia di riferimento cerco di usarla quasi sempre nelle prove degli amplificatori. La storia  cambia però con il Wa2 che riesce a tirar fuori tutto il meglio da questa cuffia donandole una gamma media meno arretrata e più emozionante e realistica non sacrificando il basso profondo, ma sempre teso e articolato. La cuffia perde il suo carattere scuro risultando più aperte e gradevole senza comunque diventare mai affaticante. Nonostante la gamma alta sia estesa e precisa  Ottimo il dettaglio e molto esteso il sound stage. Sicuramente la miglior amplificazione con cui abbia ascoltato con questa cuffia, sia tra gli stati solidi che tra i valvolari.

Concludiamo con il top di casa Beyerdynamic, ovvero le T1 con impedenza 600 ohm. Nonostante l’impedenza molto alta il Wa2 le fa suonare senza problemi in modo ottimo. La gamma media è veramente ottima e molto realistica con una stupenda resa delle voci e un ottimo dettaglio degli strumenti. Molto buona anche la dinamica che riesce a seguire bene le veloci escursioni e dona un ottimo punch alla cuffia. La gamma alta è estesissima, brillante e molto dettagliata e degna di un’accoppiata top come questa. La cosa pi sorprendente è il palcoscenico molto esteso, ma comunque preciso che la rende ottima per la classica.

Le Grado RS1 sono la classica eccezione che conferma la regola e, pur essendo una cuffia a bassa impedenza, suona molto bene abbinata al WA2. Le RS1 guadagnano in musicalità e corpo in basso rendendo le Grado molto rilassanti da ascoltare. La gamma media rimane l’ottima tipica delle Grado con un’ottima resa in qualsiasi contesto. Il risultato comunque non è perfetto e l’alta impedenza d’uscita riduce il punch della cuffia e renda la gamma bassa meno articolata.

Abbiamo provato anche altre cuffie a bassa impedenza per curiosità, ma il risultato non è stato dei migliori.

Insomma il Wa2 si dimostra un ampli ottimamente suonante con le cuffie ad alta impedenza, musicale come un valvolare, ma senza sacrificare la dinamica, la trasparenza e il dettaglio che rimangono comunque ottimi.

Conclusioni

A malincuore ho dovuto restituire questo amplificatore ed è uno dei pochi oggetti che mi è dispiaciuto rendere al mittente.

In caso utilizziate cuffie ad alta impedenze il Wa2 potrebbe essere la scelta ideale per un amplificatore definitivo per la vostra compagna di ascolti. La resa sonica è ottime su tutto il fronte, musicalissima e non mostra le debolezze di alcuni valvolari tipo la mancanza di dinamica o trasparenza. Il Wa2 concede anche un’ampia personalizzazione grazie alla moltitudine i combinazioni di valvole che è possibile montare.

La costruzione e i materiali sono spettacolari ed ad un livello che è raro vedere con finiture ottime e con tocchi di classe tipo le scritte incise e non stampate.

L’unica nota stonata è l’assenza di un qualsiasi cavo di alimentazione nella confezione.

 

Recensione in breve

Voto: 9 su 10

Pro:

–          Costruzione e materiali di livello assoluto

–          Ben quattro input e un’uscita pre amplificata

–          Resa superba con cuffie ad alta impedenza

–          Esteticamente stupendo

–          Supporta una miriade di valvole

 

Contro:

–          Non è presente neanche un misero cavo di alimentazione nella scatola

–          Come ogni OTL non è adatto alle basse impedenze

 

, , , , , ,

3 Responses to Woo Audio WA2: l’OTL di classe Made in Usa – Recensione

  1. alessandro1 13 Dicembre 2013 at 14:41 #

    Belle recensione come al solito!

Trackbacks/Pingbacks

  1. Beyerdynamic T1: la cuffia top di casa Beyer - Stereo-Head - 20 Dicembre 2013

    […] Woo Audio WA2, Woo Audio WA6SE, Violectric […]

  2. Woo Audio Wa6 SE: valvole e pontenza - Recensione - Stereo-Head - 28 Aprile 2014

    […] aver recensito poco tempo fa un prodotto della Woo Audio, l’amplificatore WA2, restandone piacevolmente sorpresi, abbiano deciso di provare un altro amplificatore della casa, […]

Lascia un commento