menu

Questyle CMA800i: l’all-in-one definitivo? – Recensione

Come sapete sono una amante delle elettroniche Questyle soprattutto del loro CMA800R che uso in configurazione dual mono per i miei ascolti abituali (recensioni qui e qui).

Questyle però ha maturato esperienza anche nella produzione di dac come il CAS192 che proveremo a breve e ha deciso di mettere a frutto queste doppia esperienza producendo un all in one (dac + preamplificatore + amplificatore cuffie) sfruttando tutte le sue tecnologie proprietarie producendo il CMA800i.

Per questo all in one Questyle ha deciso di sfruttare tecnologie per la conversione audio derivate dal suo top CAS, mentre per la sezione di amplificazione cuffie ha preso il toto l’ottimo circuito del CMA800R. Un’altra particolarità è che per la sezione pre non è stato usato il volume digitale o una derivazione della sezione cuffie, ma viene sfruttata una circuitazione dedicata in classe A.

Di seguito il setup ii prova

Sorgente: PC con scheda SotM più alimentatore, Questyle CMA800i, Exasound E20, Yulong D200

 

Amplficatore:Questyle CMA800R. x2, Schiit Asgard

Cuffie: Apollo Audio Lab Viper 6,Heir Audio IEM8, Hifiman HE560, Audeze LCDX, Sennheser HD800, Fidelio X2

I prodotti Questyle sono venduti direttamente anche se saranno distribuiti a breve in Europa e il prezzo del CMA800i è di 2.500 euro.

 Specifiche tecniche

                                             Headphone Amp section (External Format)
Gain 11.8dB (3.9times)
Max Output Power(Po) 180mW(7.5Vrms)@300Ω;1W@32Ω
THD+N 0.00026%@1kHz,Po=100mW,300Ω
0.00050%@1kHz,Po=50mW,32Ω
SNR 118 dB
Frequency DC-200kHz(+0,-0.5 dB);DC-850kHz(+0,-3 dB)
Sensitivity 2.2Vrms
Input Internal DAC output, or External RCA input,switchable
Output Dual 6.35mm Standard Stereo Jacks
                                                           DAC and Pre-Amp section
Input SPDIF input and output, USB Type B input
Signal SPDIF input and output: Standard PCM 44.1-192K/16-24bit
USB: PCM 44.1-192K/16-24bit and DSD Source Code following standard SACD format
PC OS to match USB input Win XP,Vista,Win7,Win8 and MAC OS
Digital Filter PCM Mode:Switchable IIR(MP) and FIR (LP)
Ture DSD Mode: No filter
USB supported Kernal stream WASAPI,ASIO,KS
Analog Output Balanced (XLR) and unbalanced (RCA)
Max output amplitude XLR 8.6Vrms;RCA:4.3Vrms
THD+N < 0.005% for both XLR and RCA
SNR >107dB for both XLR and RCA
                                                             Whole device
Dimension 330*300*55 mm

 

Costruzione ed ergonomia

Il corpo principale del CMA800i ricalca in pieno quello del CMA800R anche se ovviamente sono presenti modifiche sul frontale e sul retro per gli input/output.   L’intero case è realizzato in spesso alluminio lavorato di qualità veramente molto elevata.
Il design è molto sobrio e razionale, gli interruttori a leva ed i led blu sul frontale gli donano un tocco di eleganza e classe.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il Cma800i perde la possibilità di essere usato in dual mono quindi il connettore XLR a 3 poli sparisce per lasciare lo spazio ai led che indicano il filtro utilizzato ed a uno switch che permette di scegliere se utilizzare il CMA800i come amplificatore collegato ad una sorgente interna o se utilizzarlo come all in one sfruttando il dac interno..

Oltre a questo sul frontale sono presenti due switch, uno per l’accensione e uno per la selezione dell’input e i led che indicano l’input selezionato, oltre alla manopola del volume.

La manopola del volume è collegata ad un potenziometro motorizzato quindi potrete gestire il volume e la selezione degli ingressi grazi al piccolo e comodo telecomando in dotazione.

Sul retro gli ingressi bilanciati del CMA800R hanno lasciato il posto agli input digitali costituiti da un ingresso usb e da due ingressi RCA coassiale di cui uno può fungere anche da output. A lato troviamo una coppia di ingressi rca analogici ( in caso si volesse utilizzare solo la parte amplificatore cuffie) e le uscite analogiche costituite da una coppia di RCA e una coppia di XLR a 3 poli.

Anche il CMA800i poggia su quattro piedi torniti in alluminio con un anello di gomma che possono essere sostituiti con le punte fornite nella confezione. Grazie alla foratura doppia sul fondo è possibile anche rimuovere un piede e spostarne uno al centro in modo da far poggiare il CMA800i su tre piedi e renderlo più stabile.

Il CMA800i è in grado di decodificare tutti i formati più diffusi incluso il DSD che in questo caso è supportato nativamente (senza conversione DoP) grazie al chip Wolfson.

Anche la costruzione interna è molto raffinata e interamente dual mono con la parte pre amplificatrice con una circuitazione dedicata in classe A e la parte cuffie con amplificazione in corrente identica al CMA800R interamente a discreti.

L’ingresso usb invece è fornito da un chip personalizzato di Questyle, mentre la parte di conversione è demandata a un chip Wolfson WM8741. L’intera parte digitale inoltre è processata da un chip FPGA sempre marchiato Questyle.

L’alimentazione è fornita da un toroidale della canadese Plitron.

Il telecomando fornito è il classico telecomando a carta di credito, molto essenziale, anche se funzionale.

Come suona

Come chi mi legge sa amo l’impostazione sono dei prodotti Questyle e il loro amplificatore CMA800R è l’unico a cui ho dato il voto massimo.

Nel CMA800i l’amplificazione cuffia dedicata è fornita dallo stesso circuito e fornisce una prestazione identica all’amplificatore quando usato stand alone, quindi per le sue performance sotto questo profilo vi rimando alla recensione precedente che trovate qui.

Oltre che sulla sezione amp, Questyle ha lavorato molto bene anche sulla sezione dac ottenendo risultati notevoli rispettando il family sound Questyle.

Il dac risulta anche qui estremamente dettagliato e rivelatore con una scena molto vasta e precisa e dettagliata. Ottima la gamma media con una buona musicalità ed un’ottima resa vocale estremamente naturale e godible. La gamma alta è estesa, aperta e brillante pur senza eccessi ne sibilanti.

L’unico appunto si può fare in gamma bassa, un tantino leggerina, un po’ di punch e corpo in più non avrebbe guastato. Ottima invece l’articolazione e il dettaglio accompagnati da una velocità notevole.

Dandogli in pasto dei file DSD le performance migliorano nettamente e il CMA800i tira fuori un carattere fuori dal comune andando vicino al mio Exasound E20 probabilmente grazie alla decodifica nativa.

Ovviamente la sinergia tra dac e amplificatore è ottima e collegando le cuffie direttamente all’all in one la qualità è molto elevata, specialmente con le HD800 e con le Audeze LCD X che volano letteralmente una volta collegate.

Il CMA800i permette inoltre di scegliere tra due filtri via telecomando, ma le differenze sono veramente minime e limitate alla parte alta dello spettro e consente di tagliare un po’ la riproduzione sul medio alto per chi preferisse un suono più rilassato.

Visto la presenza di una circuitazione pre dedicata ho deciso di provare pure questa collegando in bilanciato l’italiano EAM LAB Element 202 che alimenta delle Kef LS50 e le fide Adam ARTist 5.

Il risultato anche qui è veramente notevole e non fa rimpiangere preamplificatori stand alone e che si avvicinano molto al prezzo dell’intero CMA800i. Specialmente con le Adam si nota una sinergia molto forte probabilmente figlia della collaborazione tra i due marchi.

 

Conclusioni

Il CMA800i è un all in one veramente ottimo sotto ogni aspetto.

L’intero prodotto è estremamente curato ed offre ottime prestazioni per ciascuna delle sue funzioni, specialmente nell’amplificazione cuffie.

Il CMA800i può diventare tranquillamente il centro di un impianto di alto livello con collegato direttamente un finale di potenza oppure il centro di un impianto da scrivania collegando le cuffie direttamente e un bel paio di monitor alle uscite digitali sul retro.

Recensione in breve

Voto: 9,5 su 10

Pro:

  • – Resa sonora spettacolare
  • – Circuitazioni separate e dedicate per dac, amplificatore e pre
  • – Dinamica elevatissima
  • – Pilota tutte le cuffie
  • – Ottima sia la parte digitale che quella analogica
  • – Occupa uno spazio ridotto assolvendo pur sostituendo la maggior parte di un impianto tradizionale

Contro:

  • – Bassi un po’ esili per la parte dac
  • – Telecomando economico

, , , , ,

3 Responses to Questyle CMA800i: l’all-in-one definitivo? – Recensione

  1. Ettore Briganti 30 settembre 2017 at 11:17 #

    Ottima recensione! Seguo con interesse questo prodotto visto che vorrei acquistarlo appena possibile abbinandolo alla Beyerdynamic T1 II gen. I 600 Ohm sono ben supportati da questo ampli? Sono molto interessato al dettaglio. Il tutto collegato ad un Mac.
    Anticipatamente ringrazio in attesa di una vostra risposta
    Ettore Briganti

    • Matteo 2 ottobre 2017 at 09:07 #

      Il CMA800 si comporta molto bene anche con le cuffie ad alta impedenza, infatti è stato pensato principalmente per le HD800 come suggerito dal nome anche se si comporta in modo fantastico con qualsiasi cuffia.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Estron Linum BaX: i cavi ultra sottili per IEM - Recensione | Stereo-Head - 24 marzo 2016

    […] Xiaomi Mi3 , Questyle CMA800i, Exasound E20, Fiio X3 2nd Gen, Aurender […]

Lascia un commento

Powered by WordPress. Designed by WooThemes