menu

Encore mDac: un piccolo compagno per i nostri smartphone – Recensione

Il mondo dei dispositivi portatili è sempre più ampio e variegato grazie alla sempre magggior diffusione degli smartphone. Inizialmente si parlava solo di amplificatori ma collegare all’uscita jack, ma si stanno diffondendo anche i dac in grado di funzionare con gli smartphone android che supportano l’usb OTG (on the go) oppure con iOs sfruttando il Camera connection kit.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La prova di oggi è dedicata ad un dac portatile con amplificatore estremamente compatto e dall’aspetto piacevole, l’Encore mDac (che non ha nulla a che fare con l’mDac di Audiolab).

Encore Design è una compagnia fondata dagli stessi fondatori della famosa NuForce

Di seguito il setup di prova

Sorgente: Xiaomi Mi3, Apple Iphone 6

Cuffie,Akg K518, Denon Ah D2000, Heir Audio 4ai, T peos Altone 200, Audiofly AF78

L’Encore mDAC è acquistabile direttamente dal sito del produttore ad un prezzo di 129 $

 OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Specifiche

Input: USB 1.1, 2.0 compatible

Native Bit Rate: 32, 44.1, 48, 88.2, 96 kHz, 24-bit

Dynamic Range: 90 dB

S/N Ratio: 102 dB

THD+N: 0.008%

Headphone Output: 80 mW x 2 @ 16-Ohm

Power: USB Bus Powered, 80 mA/5V

Dimensions: 70 x 40 x 16 mm

Costruzione ed ergonomia

L’Encore mDac è un dac/ ampli alimentato a batteria estremamente compatto con un case interamente in alluminio spazzolato che misura solo 70 x 40 x 16 mm. Il dac in prova è nella colorazione nera, ma è acquistabile anche silver.
Il case è veramente di ottime qualità e con delle finiture di buon livello come si può notare dai bordi smussati con finitura a specchio, così come per il marchio e i simboli che spiegano le funzionio dei vari tasti stampati con grande cura.
Grazie alle dimensioni estremamente contenute il dac risulta un ottimo compagno per il proprio smartphone al contario della maggior parte degli altri dac portatili che sono molto più ingombranti

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Sul corpo troviamo solo tre tasti digitali, uno per l’accensione e lo spegnimento e due per il controllo del volume. I tasti sono allo stesso livello del case e il dac non ha nessuna levetta o controllo volume analogico sporgente il che lo rende meno fragile a urti accidentali. Oltre a questi sono presenti due ingressi micro usb, una per caricare la batteria interna che dura 6 ore e una per collegare il pc o lo smarphone, e un’uscita jack da 3,5mm. Niente ingressi analogici.
Il funzionamento è estremamente intuitivo e il funzionamento di tutti i tasti è spiegato con dei simboli stampati in bianco nella parte sottostante del case.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Nella confezione, oltre al dac, è presente anche un cavo con due connettori micro usb da 15 cm di modo da poter collegare direttamente il dac allo smartphone senza utilizzare adattatori OTG.
Ricordo che per funzionare con i android i dac hanno bisogno di player dedicati che supportino quest’opzione come per esempio USB Audio Player PRO<

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Come suona

Ovviamente il piccolo dac è pensato soprattutto per essere abbinato a cuffie in ear o a quelle dedicate ad un ascolto in mobilità e sulla base di questa considerazione nella prova non sono state usate ne cuffie ad alta impedenza ne ortodinamiche. La predilezione per le Iem si nota anche per l’assoluto sillenzion in cuffia a musica ferma dato dal basso guadagno che non provoca fruscii e interferenze con le cuffie sensibili.

Il piccolo mDac è un oggetto dal suono caldo, energico e musicale pur mantenedo un buon dettaglio.

Il basso ha un buon controllo grazie alla bassa impedenza d’uscita e una buona profondità e riesce a far scnedere bene anche le IEM con le armature bilanciate che di solito non brillano in questo campo.

Ottima la gamma media se amate il suono morbido e caldo del tipo “valvolare” con una resa vocale molto suadente e realistica anche nella resa strumentale. Qui il dac ci mette un po’ del suo aggiungendo un po’ morbidezza facendo risultare il suono piacevole, ma non proprio fedele.

La gamma alta non è estesissima anche se dettagliate e non scade mai nell’affaticamento e nel graffiante.

Il suono dell’Mdac presenta una buona trasperanza senza arrivare mai nell’iper dettaglio e prediligendo un suono mobido.

Di alto livello la scena con una buona precisione e un ottima resa della posizione strumentale anche quando connesso a delle in ear di qualità.

Cambiando la sorgente tra un pc con Foobar2000 e uno smartphone ed utilizzando gli stessi flac non abbiamo notato nessuna differenza di resa.

 

Conclusioni

L’Encore mDac è un buon dac portatile per smartphone dall’ottimo rapporto qualità prezzo.

La costruzione è veramente sopra la media considerando il prezzo e le dimensioni contenute lo rendono il perfetto compagno per uno smarphone.

Il suono che esprime è adatto agli amanti del suono “valvolare” che preferiscono un sound caldo e morbido all’iper dettaglio. Buona anche la potenza d’uscita per le cuffie in ear mentre risulta poco potente per le cuffie ad alta impedenza ed ortodinamiche .

 

Recensione in breve

Voto: 8.5 su 10

Pro:

  • – Ottima costruzione e materiali
  • – Ottimo rapporto qualità/prezzo
  • – Dimensioni estremamente contenute
  • – Basso preciso
  • – Medio caldo e suadente
  • – Ottimo con le inear

 

Contro:

  • – Non adatto a cuffie ostiche
  • – Alto non estesissimo

Non adatto agli amanti dell’iper dettaglio

, , , , , , ,

No comments yet.

Lascia un commento

Powered by WordPress. Designed by WooThemes