menu

Yulong A28: un amplificatore bilanciato e potente ad un ottimo prezzo – Recensione

Yulong Audio è un produttore molto attivo nel campo dei dac e ultimamente ha offerto prodotti molto validi a prezzi interessanti, come il DA8 già provato. Yulong aveva già in catalogo degli amplificatori cuffie come l’A18, ma questi non sono mai apparsi molto interessanti: per esempio l’A18 aveva connessioni bilanciate sia all’ingresso che lato cuffia, ma in realtà era un normale amplificatore single ended.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

L’A28 protagonista di questa prova nasce proprio dalla volontà di Yulong di offrire un amplificatore dall’alto rapporto qualitò/prezzo da abbinare con i dac della casa.

L’A28 è un amplificatore realmente bilanciato in classe A in grado di erogare una potenza di 2,5W su 32 ohm in bilanciato e può rappresentare il compagno ideale al dac DA8 dato che è realizzato con lo stesso case. Per esprimere le massime qualità l’amplificatore va utilizzato in un impianto completamente bilanciato dato che utilizzando i classici ingressi rca il segnale viene convertito in bilanciato attrraverso degli op amp che peggiorano la resa, senza contare che la potenza erogata è pari ad 1/3 se si usano le uscite single ended.

Di seguito il setup di prova

Sorgente: PC con Jmedia River, M2tech Young DSD, Exasound E20, Fostex HP A8C

Ampli cuffie: M2tech Marley

Cuffie:  Sennheiser HD600, Hifiman HE6, Hifiman HE500, Sennheiser HD800, Denon AH- D2000

Finale di potenza: Eam Lab 3.8

Casse: Kef LS50

Lo Yulong A28 è acquistabile da Audiophonics.fr ad un prezzo di 400 euro il che lo rende uno degli amplificatori realmente bilanciati più economici.

 Specifiche tecniche

:
Inputs: 1x couple of RCA, 1 x couple of XLR
Output: 2 x 1/4” stereo jack (single-ended)
4-pole female XLR (balanced)2 x 3 pole XLR (Balanced)
Output power Balanced: 600ohm:400mW 300 ohm:700mW 150 ohm:1.3W  32 ohm:2.5WUnbalanced: 600ohm:120mW 300 ohm:200mW 150 ohm:350mW 32 ohm:800mW
SNR 120dB
THD+N 0.0005%
Dimensions   250*200*55mm.
(W x H x D):
Weight: 3 Kg

 

Costruzione ed ergonomia

L’A28 condivide in parte il case del dac DA8 e questo permette di abbinarli esteticamente ed impilarli uno sull’altro. Com per il dac il  case, compeltamente in alluminio, è disponibile in silver oppure nero.

Sul frontale si trovano tutti gli output, con il pulsante di accesione e la manopola del volume a risoluzione infinita.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Gli output sono costituiti da un xlr a 4 pin per il bilanciato e due connettori neutrick ibridi jack 6,3mm/xkr 3 poli a cui è possibile connettere due cuffie contemporaneamente in sbilanciato oppure una cuffia in bilanciato con due connettori xlr a 3 poli. Non è possibile connettere due cuffie contemporanemanete in bilanciato e neppure una in bilanciato e una in sbilanciato.  Le due uscite sbilanciate sono marchiate una come “High” e una come “low” e si differenziano per l’impedenza d’uscita che è pari a 10 ohm sul jack “high” (consigliato per tutte le cuffie classiche) e di 100 ohm su “Low” (consigliato per le IEM).

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sul retroinvece troviamo gli input costituiti da una coppia di xlr e da una coppia di rca e la vaschetta IEC oltre ad uno switch a levetta che permette di scegliere l’input selezionato. L’uso degli ingressi xlr è consigliabile dato che dopo il segnale sbilanciato sugli rca viene convertito in bilanciato da un op amp che degrada la qualità di ascolto.

Il tutto poggia su quattro piedini in alluminio supportati ognuno da cinque semisfere in silicone.

Particolare dei piedini

Particolare dei piedini

Passando all’interno troviamo un buffer a diamante composto da otto transistor  MJE243/253 montati su dissipatori e comandati da due op amp OPA2604. Degli otto transistor ne vengono usati quattro  in bilanciato comandati da un op amp in mono per canale per  oppure due per canale sulle due uscite sbilanciate sfruttando gli op amp in stereo

Entrando in rca il segnale viene bilanciato da due OPA1632.

Il tutto è alimentato da un toroidale della canadese Piltron.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Come suona

Lo Yulong è un amplificatore che dà il meglio di sé in una catena totalmente bilanciata e perde molto soprattutto quando viene usato con le uscite cuffie sbilanciate.

L’amplificatore di casa Yulong è un amplificatore dalla potenza elevata inoltre fornisce a tutte le cuffie un’ottima dinamica, anche se il carattere è un po’ grezzo e poco rifinito.

Inoltre l’A28 non è adatto a tutte le cuffie dato che l’alta impedenza d’uscita lo rende poco appetibile se abbinato a cuffie dinamiche a bassa impedenza (le orto risentono molto meno di questo problema) e, per esempio, con le Denon si ottengono bassi poco controllati, strabordanti e non articolati.

L’A28 si abbina bene invece con le ortodinamiche che grazie alla potenza erogata in bilanciato vengono mosse a dovere con una buona dinamica e controllo. Con le He500 il basso è esteso e controllato, mentre la gamma media risulta avanzata e dettagliata, ma non musicalissima. La gamma alta è brillante, anche se estesissima.  In questa fascia di prezzo l’A28 è un’ottima scelta in abbinamento a delle ortodinamiche che sono assetate di corrente.

Anche il risultato con le cuffie ad alta impedenza come le HD600 e le HD800 è molto buono, soprattutto considerando il prezzo molto competitivo. L’A28 a volte risulta troppo aggressivo, soprattutto se abbinato con le HD800 con la presenza di qualche sibilante, anche se il risultato è complessivamente buono, soprattutto in basso.

Conclusioni

L’A28 è un buon amplificatore dal rapporto qualità/prezzo elevato.

E’ praticamente impossibile trovare a 400 euro un amplificatore cuffie di pari potenza, realmente bilanciato in grado di far suonare così bene ortodinamcihe e cuffie ad alta impedenza.

Il lato negativo della medaglia è il suono un po’ rude e il non andare a nozze con le cuffie a bassa impedenza che pagano per l’alta impedenza d’uscita dell’amplificatore. Inoltre necessita di una catena totalmente bilanciata per rendere al meglio.

La costruzione è ottima e utilizza un case di buona fattura di notevole spessore e ottimi componenti interni a partire dall’ottimo toroidale.

 

Recensione in breve

Voto: 8  su 10

Pro:

–          Ottima costruzione e materiali

–          Potenza e dinamica elevata

–          Realmente bilanciato

–          Pilota senza problemi ortodinamiche e cuffie ad alta impedenza

–          Amplificatore molto trasparente

 

Contro:

–          Suono un po’rude

–          Non adatto alle cuffie a bassa impedenza

–          Necessita di una catena bilanciata per rendere al meglio.

, , , , ,

5 Responses to Yulong A28: un amplificatore bilanciato e potente ad un ottimo prezzo – Recensione

  1. Luca 3 gennaio 2017 at 23:27 #

    Ciao Matteo, ho trovato nell’usare questo ampli ed uno Schiit Myolnir quale mi consigli?
    Grazie
    Luca

    • Matteo 5 gennaio 2017 at 20:08 #

      Ciao Luca,
      non saprei, più che altro non avendo mai provato lo Schiit sarebbe un consiglio un po’ campato in aria.

  2. Valerio 8 marzo 2017 at 13:04 #

    Ciao Matteo,

    possiedo lo Yulong A28 da qualche mese – in bilanciato – e ne sono soddisfatto.
    L’unica cosa è che con alcune sorgenti/tracce il volume anche pompato al massimo non è proprio così alto (forse sono io anormale….). Utilizzo una Sennheiser HD650 per intenderci.
    Devo tenere talvolta quasi al massimo per avere una buona resa. Non c’è un modo – chessò uno switch da qualche parte o simile – per aumentare la potenza di uscita ?

    Grazie,
    Valerio

Trackbacks/Pingbacks

  1. SotM tx-USBexp e mBPS-d2s: come ottenere il massimo dal pc audio - Stereo-Head - 5 giugno 2014

    […] cuffie:M2tech Marley, Yulong A28, Hifiman EF6, 2 x Questyle CMA800R, Schiit Asgard, AudioQuest […]

  2. Cos H1: un all in one di classe - Recensione | Stereo-Head - 10 ottobre 2016

    […] cuffie:M2tech Marley, Yulong A28, , 2 x Questyle CMA800R, Schiit […]

Lascia un commento

Powered by WordPress. Designed by WooThemes