menu

Cuffie: Audio Technica AD700 – Recensione

Audio-Technica AD700

Oggi analizzeremo una cuffia della serie Hi Fi del celebre produttore di testine e materiale pro Audio Technica, le AD700.

Ringrazio ancora Federico per averci permesso di provare la cuffia.

Come scritto sopra le Ad700 appartengono alla serie Hi Fi di Audio technica e rappresentano il prodotto di mezzo di questa serie. Più precisamente appertengono alla serie Air che sta ad indicare il fatto che è una cuffia aperta.

Le Ad700 sono una cuffia circumaurale aperta con un’impedenza di 32 ohm, ma una sensibilità non altissima, 98 db/mw, infatti per raggiungere un volume decente devo alzare al massimo il volume del mio cellulare Xperia U.

L’isolamento verso l’interno e verso l’interno è minimo come in ogni cuffia aperta, quindi è sconsigliato l’utilizzo in pubblico.

Le ad700 montano una dimensione insolita di driver, 53 mm, più grandi della maggior parte dei concorrenti che di solito si fermano a 50 mm o a 40 mm.

L’azienda, pur essendo Giapponese, produce questo modello in Taiwan.

Per la prova, visto la sensibilità abbastanza bassa, useremo un ampli.

Il setup di prova è costituito da:

Ampli: Schiit Asgard

Dac: Schiit Modi

La cuffia è in vendita su Amazon ad un prezzo di 155 euro spedita.

 

Confezione e contenuto

La confezione è costituita da una scatola da cartone apribile su un lato che riporta l’immagine di una piuma, il modello e le caratteristiche salienti.

All’interno troverete la cuffia, il foglietto della garanzia, le istruzione e un adattatore jack da 3,5 mm a 6,3 avvitabile.

La confezione è come al solito scarna.

 

Costruzione ed ergonomia

Audio-Technica AD700

La costruzione in generale è buona.

Per il mio gusto l’abbinamento di colori è abbastanza aberrante [ndr “Minchia zio, ma sta cuffia è zarrissima”] e fin troppo appariscente con il viola metallizzato dei cups al color ottone opaco della struttura.

La cuffia è interamente realizzata con metalli leggeri. I cups traforati sono in alluminio, mentre la struttura portante è realizzata in magnesio. Grazie a questi materiali la cuffia è leggera, infatti pesa 280 g.

Il sistema di appoggio alla testa è notevole. Il sistema non presenta regolazioni, ma viene tenuto in posizione da delle molle che si adatteranno alla forma della vostra testa. La parte che poggia sulla testa inoltre è ricoperta da morbida gomma piuma ed è molto comodo. Lo stesso sistema è usato anche sulle cuffie top di AT.

I pad sono in velluto, non molto spessi, ma morbidi.

Il cavo è collegato solo al pad di sinistra ed è lungo 3 m. Il cavo è realizzato in rame PCOCC e la schermatura realizzata in lega di titanio.

L’assemblaggio è buono, anche se si presenta qualche scricchiolio muovendo il meccanismo che permette la rotazione dei padiglioni, ma indossandole non si nota nulla.

Il sistema ad archetto di Audio Technica unito ai morbidi pad ed al buon peso rende questa cuffia la più comoda che abbia mai provato.

 

Come suonano

Queste cuffie non le avevo mai neanche ascoltate di sfuggita prima di questa prova ne avevo letto nulla a riguardo, quindi partivo senza ne aspettative ne pregiudizi.

Appena collegate allo Schiit e fatto play su foobar ho avuto subito una strana sensazione.

Alle Ad700 manca quasi totalmente la gamma bassa. Non è leggera, ma articolata e dettagliata, manca quasi del tutto. Pensando che ci fosse qualche problema ho fatto una cosa che di solito non faccio, guardato il grafico della risposta in frequenza ed i miei dubbi sono stati confermati come potete vedere qui sotto.

Audio-Technica AD700

Come potete vedere dal grafico si ha un crollo già nell’intorno dei 60 hz, al contrario dei 20 di una dt990 ed anche una zona di carenza nella gamma medio-bassa.

Queste mancanze portano ad un suono molto privo di corpo e d’impatto, molto leggero.

La gamma media non risulta arretrata come si direbbe dal grafico, forse a causa della mancanza in gamma medio- bassa. Le voci non mi hanno convinto a pieno, appena si alza un po’ il volume assumono una certa nasalità e fa la sua comparsa qualche sibilante.

La gamma alta è poco estesa e non molto dettagliata, questo difetto però porta ad una fatica d’ascolto bassissima e potrete portare le cuffie per molto tempo.

Il dettaglio è abbastanza buono e non c’è nessuno tipo di velo.

Veniamo ora al lato positivo di questa cuffia: l’incredibile scena. La scena ha un’estensione pazzesca e dà realmente l’impressione che il suono venga da una fonte esterna ai cups della cuffia, sembra quasi di ascoltare delle casse.

 

Conclusioni

Una cuffia che non mi ha convinto per niente.

Io capisco non essere bass head, nemmeno io lo sono, ma qui la gamma bassa è totalmente assente, come quella medio bassa e questo toglie ogni impatto al suono. Aggiungiamo questo ad una gamma media “strana” e alle alte non molto estese e non avremo un bel quadro.

Due cose con cui questa cuffia si difende sono il buon dettaglio e l’incredibile scena, ma secondo me questi sono due parametri secondari per l’ascolto in cuffia.

Le Ad700 potrebbero essere consigliate per l’ascolto di musica cameristica. Probabilmente se vi piacciono le K701 potrebbero piacervi pure queste.

 

Recensione in breve

Suono: 5,5 su 10

Costruzione: 7 su 10

Comodità: 9 su 10

Rapporto qualità/prezzo: 4,5 su 10

Voto finale: 5 su 10

 

Pro:

– Buona costruzione

– Materiali impiegati

– Scena sterminata

– Buon dettaglio

Contro:

– Bassi inesistenti

– Voci nasali

– Gamma alta poco estesa

– Mancanza d’impatto e dinamica

, ,

Trackbacks/Pingbacks

  1. [DOMANDA] Consigli/chiarimenti cuffie sui 300 euro - 25 Giugno 2013

    […] […]

Lascia un commento

Powered by WordPress. Designed by WooThemes